Il capanno autunnale…

Con l’arrivo dell’autunno abbiamo ripristinato il capanno utilizzato lo scorso anno per riprendere la Poiana e il Gheppio. Abbiamo pulito il prato dove ormai sorgevano alti fasci d’erba e sistemato il capanno che avevamo di fatto abbandonato dopo la pesante nevicata dello scorso anno (che aveva fatto cadere diversi tronchi sul capanno stesso). E’ stata realizzata una piccola pozza d’acqua con l’intento di attrarre nuove specie tra cui, possibilmente, lo sparviero che avevo già avvistato lo scorso anno.

unnamed

Questo rapace infatti ama pulirsi (quasi quotidianamente) il piumaggio in acqua per sbarazzarsi dei parassiti. Lunedì scorso (5 Ottobre) dopo aver ultimato i lavori abbiamo posizionato la fototrappola e con grande sorpresa, dopo soli tre giorni, si è presentato uno sparviero maschio. Forte della scoperta questa settimana ho deciso di inaugurare il capanno in versione 2015.

Subito c’è stata la prima grande sorpresa, ovvero la Poiana. E’ rimasta qualche secondo, ma considerato che l’anno scorso l’avevo fotografata solo 15 minuti in 3 mesi, è stata una vittoria. Gli scatti dell’otturatore l’hanno insospettita ed è volata via.

Questa poiana si è sorprendentemente presentata al primo tentativo al nostro capanno, versione 2015.

Il tempo è passato (velocemente perfortuna) e mentre passavo in rassegna alle foto sul display della fotocamera mi è apparso di vedere un movimento nel mirino. Guardo fuori ed è Lui. Lo sparviere maschio. Si è guardato attorno qualche minuto a bordo “piscina”, pernulla indispettito dai miei scatti e poi si è tuffato nella vasca e ha iniziato a sorseggiare e a fare qualcosa di simile ai nostri gargarismi. Una volta finito, è tornato sul bordo piscina e si è dileguato alla stessa velocità con cui è arrivato. Che emozione.

 

Il maschio di sparviere intento a farsi un bagnetto. In questa foto è ritratto mentre ha appena finito di bere.

Questo maschio di sparviere è apparso dal bosco e si è fatto riprendere poco prima del bagnetto quotidiano.

Speriamo non sia stato solo un caso isolato. Spero di rivederlo, magari in una giornata di sole, assieme a qualche altra specie. Il picchio verde si sente ma non si è ancora visto. Manca invece all’appello il giovane gheppio che ci aveva salvato la stagione lo scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *