I giorni del Tarabuso

Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad un brusco calo delle temperature, tale da ghiacciare molti stagni e zone umide della pianura padana. Molti animali che popolano i nostri ambienti paludosi si son dovuti adeguare a questa situazione “estrema”. Tra questi vi è il Tarabuso, ardeide svernante notoriamente schivo.

Generalmente il Tarabuso preferisce vivere e cacciare all’interno dei fitti canneti in modo da trarre il massimo vantaggio dal mimetismo che gli offre il suo piumaggio. Il gelo della scorsa settimana ha costretto questo ardeide ad uscire dalle zone d’ombra dei canneti per poter cacciare con successo. Solo nelle ore pomeridiane, nei punti soleggiati a ridosso dei canneti, il ghiaccio si è sciolto.

Il mimetismo.

Proprio per questo motivo, la settimana scorsa si è rivelata particolarmente adatta per fotografare questo elusivo uccello. Dapprima mi son recato presso la Riserva LIPU di Torrile ma purtroppo son capitato nel giorno sbagliato. Il tarabuso (nella foto sopra) è rimasto la maggiorparte del tempo rintanato ai bordi di un distante canneto e non si è mai avvicinato alla mia postazione fotografica.

Il giorno seguente, vista la chiusura della Riserva di Torrile, mi son recato in un posto dove avevo visto e fotografato il Tarabuso negli anni passati. Con grande sorpresa (visto che giusto un paio di settimane prima non avevo trovato nulla) mi son trovato nei canneti davanti a me ben due esemplari di tarabuso (forse 3 ma non posso confermare).

Il tarabuso molto spesso inarca o estende il proprio corpo per nascondersi meglio.

Per ben due ore hanno incessatamente scandagliato ogni punto del canneto della lanca situata a ridosso del fiume Oglio alla ricerca di cibo. A circa mezz’ora dal tramonto, i due tarabusi sono rientrati e scomparsi all’interno del fitto canneto.

Pronto a sferrare il colpo decisivo alla preda.

Qui potete trovare tutti gli scatti effettuati al Tarabuso: http://filippopellegrini.com/album/il-tarabuso-del-2016/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *